Cultivar Biancolilla

Foto della pianta e delle olive biancolilla

Sinonimi:
Bianca, Bianchetta, Bianchetto, Biancolella, Biancolina, Biancuccia, Bianculidda, Biancuzza, Bruscarinu, Gaetana, Giarraffa, Imperialidda, Janculitta, Jancuzza, Marmorina, Marmurina, Napoletana, Niccittisa, Nocellara, Nuciddara, Ogliara, Pruscarina, Rizza, Signura, Siracusana, Ugliara;
Origine: Italia;
Diffusione: Sicilia centro-orientale;
Uso: Da olio;
Considerazioni Agronomiche Commerciali:
Cultivar che trova l'ambiente ideale di coltivazione in alta collina ed in grado di fornire buone produzioni anche in terreni con limitata disponibilità idrica. La rizogenesi è elevata. L'entrata in produzione è media. L'epoca di fioritura è intermedia. I fiori, che presentano un'elevata percentuale di ovari abortiti, producono abbondante quantità di polline fertile. Parzialmente autocompatibile, se si avvantaggia di impollinatore i quali "Moresca", "Zaituna", "Tonda Iblea" e "Ogliarola messinese". La produttività è elevata e alternante. L'allegagione è elevata ed è tipica la presenza di 3-4 drupe per infiorescenza. I frutti presentano polpa poco consistente. La resa in olio è bassa e quest'ultimo si caratterizza per il particolare colore chiaro. Il distacco della polpa dal nocciolo risulta agevole. Questa cultivar tollera i freddi ed il cicloconio, ma è sensibile alla mosca dell'ulivo e alla rogna. In letteratura sono stati segnalati diversi biotipi.

foglie biancolilla  drupa biancolilla